Ius soli: le parole che piacciono a Napolitano (e lanciano il governo politico)

Scritto da: -

Ius soli: due parole piccole, piccole. In latino. Parole che piacciono molto al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, a moltissimi politici (ma non tutti) e probabilmente saranno uno dei viatici per il prossimo governo...politico.

Ius soli: due parole piccole, piccole. In latino. Parole che piacciono molto al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, a moltissimi politici (ma non tutti) e probabilmente saranno uno dei viatici per il prossimo governo…politico. Di “ius soli” se ne parla già da tempo. Per sintetizzare il tema basta rileggere le parole pronunciate pochi giorni fa dal nostro Presidente. «Mi auguro - ha detto - che in Parlamento si possa affrontare anche la questione della cittadinanza ai bambini nati in Italia da immigrati stranieri. Negarla è un’autentica follia, un’assurdità. I bambini hanno questa aspirazione». Come tutti sanno, ci sono due modi con i quali il diritto potrebbe permettere l’acquisizione della cittadinanza da parte dei bambini, figli di genitori stranieri residenti in Italia ma non aventi la cittadinanza italiana. Il diritto di cittadinanza può essere legato al luogo dove ci si trova nel momento in cui si nasce, oppure essere nato dal “sangue” di cittadini di un determinato stato. La discussione politica durante il precedente governo aveva discusso proprio di questi due argomenti, contrapponendoli, e con essi, creando di fatto due schieramente politici contrapposti.

Da una parte politici (come ad esempio Gianfranco Fini) che smarcandosi dal PDL (e soprattutto dai vincoli non detti con la Lega) proponevano il cosiddetto “ius soli” (diritto del suolo). Dall’altra parte (la Lega appunto) che si opponeva a questo principio, proponendo al contrario una prospettiva maggiormente legata al sangue e quindi, di fatto rendendo la strada per l’acquisizione della cittadinanza italiana ai bambini, molto ardua…se non impossibile. Fatto il Governo Monti, governo tecnico nato quasi esclusivamente (così ci hanno raccontato) per risolvere i problemi economici della nostra povera Italia, il grande “traghettatore” della nuova fase politica - nonchè probabilmente il politico più gradito dagli italiani - ovvero Giorgio Napolitano, ha deciso di buttare prepotentemente (nel senso della forza..non del “modo”) nel mare della politica questo spinoso tema. Un tema chiaramente importante reso ancora più “pesante” dal fatto che - senza dubbio - sembri essere un vero e proprio “via libera politico” a questo nuovo governo. Un modo per dire: andate avanti e non occupatevi solo (se ci riusciete) dell’economia. Staremo concretamente a vedere come i nostri politici, e soprattutto il governo Monti, prenderanno il prezioso suggerimento del Capo dello Stato. A me, per il momento, tale suggerimento sembra proprio essere un lasciapassare politico. Ed a voi?

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!